giovedì 27 settembre 2012

[Segnalazione]- Da oggi in libreria LA FARFALLA NERA di Emilio Martini

Per chi ha amato la prima avventura del commissario con la coda (che peraltro potete leggere cliccando qui). 
Per chi non lo conosce ancora, ma ama la riviera ligure, le focacce e il pesto. Per quelli che non sanno resistere a una trama ben congegnata, a un vero  noir "all'italiana".
Da oggi sbarca in libreria il nuovo episodio della saga di Gigi Berté: "La Farfalla nera" (Corbaccio, 8 euro). 
Vicequestore milanese di orgini calabre, in esilio nel paesino di Lungariva dopo aver combinato un non meglio specificato "casino" nel capoluogo lombardo, amante della buona tavola.
Inoltre Gigi Berté ha una passione (quasi) segreta: scrive racconti. E a volte è proprio questa vena creativa a metterlo sulle tracce dell'assassino.
Presto avrete la recensione, intanto la trama: 

Gigi Berté, vicequestore aggiunto di origine calabrese, di residenza milanese e di... esilio ligure credeva di dover espiare le sue colpe nell'atmosfera sonnacchiosa di Lungariva sedando risse fra ragazzotti in vacanza e dirimendo annose vertenze sull'appropriazione indebita di una cabina da spiaggia. Ebbene, si sbagliava. È arrivato da pochi mesi ed è già al secondo caso di omicidio. E questa volta si tratta di una celebrità del luogo: la professoressa Adelaide Groppini, preside del liceo San Giorgio di Genova, ritrovata con il cranio spaccato vicino a un cassonetto della spazzatura. Una donna, come ben presto scoprirà Berté, dalla vita all'apparenza specchiata, ma con tanti lati oscuri. Come del resto tutto il suo entourage, rivestito di perbenismo, ma traboccante di ipocrisie, tradimenti e desideri di vendetta. Quel che ci vuole al commissario Berté, non solo per dimostrare di che pasta è fatto, ma anche per ritrovare quell'ispirazione a scrivere che gli viene dalla rabbia per i morti ammazzati e per prendere le distanze dalla Marzia, la proprietaria della pensione in cui Berté abita, che lui sente già come un po' sua e che invece è irrimediabilmente sposata...

Nessun commento:

Posta un commento