sabato 8 agosto 2009

I SEGRETI DEL CARSO - PIETRA di Kristle Reed



"Tra i sassi del Carso c’è il bene e c’è il male. Spesso il male supera di gran lunga il bene, e opera in modo subdolo ma efficace."



Il Carso è una distesa di sassi, quasi uniforme, assolata d'estate e sferzata dalla bora in inverno. Un luogo di segreti, di oscure e mirabolanti invaginazioni, le cosiddette foibe, tristemente famose per aver ospitato vittime delle sanguinose guerre di frontiera.
In questa terra, la scrittrice Kristle Reed, italianissima autrice che ha adottato uno pseudonimo anglofono, ha ambientato l'appassionante storia del romanzo "Pietra".
Jonathan e Barry, gemelli di origine istriana ma cresciuti in America, sono chiamati a risolvere un mistero nascosto nelle viscere della terra. Un susseguirsi di colpi di scena, sostenuti da una scrittura limpida, asciutta, e al contempo in grado di fornire immagini vivide alla fantasia del lettore.
La storia si potrebbe, o forse si dovrebbe, ascrivere all'abusato genere horror, categoria letteraria che io non amo particolarmente. Ma, in questo racconto ci sono elementi complessi e affascinanti che sospendono il romanzo al confine tra la narrativa di mistero e quella propriamente d'orrore: c'è il tema dell'indentità e della scissione (i gemelli, da sempre un mistero che affascina scienziati e artisti), c'è la strega della tradizione (la Mora), ma anche il recupero della memoria attraverso il sacrificio e la discesa, la catabasi nelle viscere della terra, quasi un ritorno nel ventre materno.

Bello e appassionante, per provare un brivido sulla pelle e nel cuore.
AGGIORNAMENTO DEL 03.09.2009: il romanzo Pietra verrà tradotto in tedesco e pubblicato in Germania. Un grande risultato! Per saperne di più, cliccare qui

Nessun commento:

Posta un commento