mercoledì 29 luglio 2009

IL GIALLO STORICO

Il giallo storico è un genere, o forse un sotto-genere, letterario che si sta sempre più affermando. In un'epoca ipertecnologica in cui la risoluzione dei crimini è spesso affidata a complesse analisi di laboratorio, sembra che i lettori abbiano riscoperto il gusto per le indagini esclusivamente, o quasi esclusivamente, basate sulle capacità logico-deduttive degli investigatori.
Il capolavoro assoluto del genere, da alcuni considerato il più grande romanzo storico di tutti i tempi: "Il nome della rosa" di Umberto Eco. Il protagonista Guglielmo da Baskerville e la sua fedele spalla, il novizio Adso, si trovano di fronte a una non facile situazione: da un parte uno spazio "chiuso", il monastero, che evoca i delitti della "camera chiusa" tipici del mistery inglese (si pensi a Madama Agatha) , dall'altra una serie di delitti che sembrano seguire lo schema dell'Apocalisse, come nei casi degli assassinii seriali a stampo "missionario". Alla fine, le capacità logiche e la mente illuminata di Guglielmo riescono a venire a capo del mistero.
Lo schema "investigatore + spalla" è piuttosto comune nella letteratura gialla e, per non citare il celeberrimo e forse abusato esempio di Sherlok Holmes e dell'assistente Watson, potremmo chiamare in causa il duo formato dal senatore Pu
blio Aurelio Stazio e dal liberto levantino Castore, entrambi frutto della fantasia della scrittrice Danila Comastri Montanari, autrice di una serie di gialli di grande successo ambientati nell'antica Roma.
Io stesso ho utilizzato lo schema indagatore + spalla nel romanzo "L'arcano della papessa", affiancando all'investigatore, il medico Tiberio di Castro, una acuto e ancor giovane Alessandro Farnese, futuro papa Paolo III.
Una disamina attenta ed estremamente consapevole dei meccanismi che regolano il giallo storico è offerta dal libro "Giallo Antico", scritto proprio dalla Comastri Montanari, un utile e interessante manuale per tutti gli appassionati del genere, e per chi volesse cimentarsi in questo divertente ma complesso genere letterario.



Nessun commento:

Posta un commento